Ospiti 2018

MASSIMO BALDACCI È professore ordinario di Pedagogia generale ensociale all’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Dirige il CESPP (Centro Studi sul Problematicismo Pedagogico) e coordina, dal 2014, il Gruppo teorico nazionale della SIPed (Società Italiana di Pedagogia). Il suo ambito di ricerca è diretto allo studio di problematiche pedagogiche e didattiche. Dirige diverse riviste e collane editrici legate all’ambito della pedagogia ed ha al suo attivo oltre 150 pubblicazioni nazionali ed internazionali.

MARINA BOSCAINO Insegnante di Italiano e Latino in un liceo classico di Roma, fa parte del comitato tecnico-scientifico di ProteoFareSapere e dell’associazione Per la scuola della Repubblica. Coltiva consapevolmente diverse ostinazioni: continua a credere nella scuola della Repubblica, della quale commenta come pubblicista le attuali
sorti, anche da rubriche che cura su alcuni siti o dal suo blog (stampanonrassegnata.bibienne.net); rifiuta le nostalgie del passato, pur sostenendo che quello dell’insegnante è il lavoro più politico che esista e cercando di stimolare competenze di cittadinanza culturale e critica nei suoi studenti; investe nella partecipazione, nell’impegno e nella
condivisione per sostenere la scuola della Costituzione: assemblee, seminari, convegni, interventi non solo per dire no, ma per proporre alternative.

ANNAROSA BUTTARELLI Insegna Filosofia della storia all’Università di Verona e dal 1988 fa parte della Comunità filosofica Diotima. Impegnata da anni nel pensiero e nella politica della differenza, è autrice di numerosi saggi e curatele, tra cui “Duemilaeuna. Donne che cambiano l’Italia” (2000); “Una filosofa innamorata. María Zambrano e i suoi insegnamenti” (2004); “Il pensiero dell’esperienza” con Federica Giardini (2008); “Sovrane. L’autorità femminile al governo” (2013); “La danza della forza. Yoga e filosofia per la vita femminile” (2015): “Sovrane. L’autorità femminile al governo” (2° ed, maggio 2017).

CARLO FLAMIGNI Tra i maggiori esperti di fisiopatologia della produzione umana e padre della fecondazione assistita. Membro del Comitato Nazionale per la Bioetica e presidente onorario dell’AIED, ha pubblicato oltre 1000 memorie scientifiche originali, numerose monografie e alcuni libri di divulgazione. Tra le sue più recenti pubblicazioni “La Fecondazione Assistita dopo dieci anni di legge 40. Meglio ricominciare da capo!” (Ananke, 2014); “Nelle mani del dottore? Il racconto e il possibile futuro di una relazione difficile” (FrancoAngeli, 2014); “Sessualità e riproduzione. Due generazioni in dialogo su diritti, corpi e medicina” (Ananke, 2015); “Questa è la scienza, bellezza!” Ananke, 2015).

ORLANDO FRANCESCHELLI Filosofo, insegna Teoria dell’evoluzione e Politica presso l’Università «La Sapienza» di Roma. È autore di “Dio e Darwin. Natura e uomo tra evoluzione e creazione” (2005); “La natura dopo Darwin. Evoluzione e umana saggezza” (2007) e di “Karl Löwith. Le sfide della modernità tra Dio e nulla” (2008), tutti pubblicati da Donzelli. Nel 2009 è uscito il suo ultimo lavoro, “Darwin e l’anima”.

NICOLETTA LANDI Antropologa e ricercatrice all’Università di Bologna, si occupa in particolare di temi come sessualità, salute, identità, genere ed educazione. È autrice della ricerca “Il Piacere non è nel programma di scienze! Educare alla sessualità oggi in Italia”. Membro di Anpia (Associazione nazionale professionale italiana di Antropologia); Siaa (Società italiana di Antropologia applicata) ed Easa (European association for social anthropology), è particolarmente interessata all’implementazione del ruolo dell’antropologia all’intero del dibattito pubblico.

MARIA MANTELLO Presidente della Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”, scrive e interviene in favore del diritto imprescindibile di pensare e decidere in autonomia, allo scopo di creare un insieme di cittadini capaci di confrontarsi e tollerare le diversità, un mondo pensante ed attivo.

ENZO MARZO È stato per trentacinque anni giornalista del “Corriere della Sera” dove ha diretto i settori Politica e Cultura. È stato docente di Profili deontologici della professione giornalistica presso la Scuola di giornalismo Luiss: è anche fondatore e ora portavoce della “Società Pannunzio per la libertà d’informazione”. È presidente della
Fondazione Critica Liberale, nonché dal 1969 direttore dell’omonima rivista. È stato tra i promotori di “Opposizione civile”, nonché autore del “Manifesto laico” e membro del comitato di presidenza della “Società laica e plurale”. Da giovane fu membro della presidenza della Liac (Lega italiana abolizione concordato).

ARMANDO MASSARENTI Filosofo ed epistemologo italiano. Dal 12 giugno 2011 è responsabile del supplemento culturale Il Sole – 24 Ore Domenica, dove si occupa, dal 1986, di storia e filosofia della scienza, filosofia morale e politica, etica applicata. È membro dell’Osservatorio di Bioetica della Fondazione Einaudi di Roma: tra i suoi testi più importanti, il “Manifesto di bioetica laica”, redatto insieme a C. Flamigni, M. Mori e A.M. Petroni, e Staminalia. “Le cellule etiche e i nemici della ricerca” (2008), una ricostruzione del dibattito etico e scientifico sulla ricerca sulle staminali.

ROBERTA MINEO Ricercatrice del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. È titolare del corso di Processi e dinamiche di gruppo e di Psicodinamica delle relazioni familiari. Il suo ambito di ricerca spazia tra formazione degli adulti, mediazione dei conflitti nei contesti
multiculturali, leadership e cooperazione internazionale. Ha attivato il corso di Studi di Genere e da quest’anno partecipa al consorzio interateneo Edunova con due corsi online aperti a tutti (Cosa c’entra l’amore e La violenza al Centro).

MANUELA MONTI Biologa, lavora alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo
di Pavia. Collabora con isitituti di ricerca negli Stati uniti ed in Giappone. Insegna Biologia
delle cellule staminali allo Iuss di Pavia. È autrice con Carlo Alberto Redi di: Storia di una
cellula fantastica (Sironi, 2016), Staminali. Dai cloni alla medicina rigenerativa (con
Enrica Battifoglia, Carocci, 2015) e Pavia, a spasso nella città della scienza (Ibis, 2013).

MARYAM NAMAZIE Scrittrice e attivista di origine iraniana, è la portavoce di Fitnah – Movimento per la liberazione delle donne, One Law for All e Counsil of Ex-Muslims of Britain. Conduce un programma televisivo settimanale in persiano ed inglese chiamato Bread and Roses. È membro del comitato consultivo internazionale della Raif Badawi Foundation for Freedom e Euromind; umanista Laureata presso la International Academy of Humanism, è membro di diverse associazioni che lottano per il diritto alla libertà di pensiero, al di là dei dogmi religiosi e delle barriere sociali e politiche. Il regime islamico dei media iraniani l’ha definita immorale e corrotta e ha pubblicato un esposto da titolo “Incontra questa donna anti-religiosa”. Nonostante questo, la Namazie ha inoltre recitato in “Can We Talk About This?” prodotto da DV Physical Theatre, che tratta della libertà di parola, della censura e dell’Islam.

TELMO PIEVANI Filosofo ed evoluzionista, ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova. Presso lo stesso Dipartimento è anche titolare degli insegnamenti di Antropologia e di Bioetica. Dal 2015 è vice-Presidente della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica: fa parte del Comitato Etico e del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi per
il progresso delle scienze. È autore di numerose pubblicazioni nazionali e internazionali nel campo della filosofia della scienza. Insieme alla Banda Osiris e a Federico Taddia è autore di progetti teatrali, comici e musicali a tema scientifico, come ‘Finalmente il Finimondo!’ (2012) e ‘Il maschio inutile’ (2015). Collabora con Il Corriere della Sera e con le riviste Le Scienze, Micromega e L’Indice dei Libri.

ELENA PULCINI È professoressa di Filosofia sociale presso l’Università di Firenze. Attenta al problema dell’individualismo moderno e del legame sociale, ha posto al centro della sua ricerca il tema delle passioni e delle patologie sociali della modernità. Ha inoltre concentrato la sua attenzione sulle trasformazioni dell’età globale e sui possibili fondamenti emotivi di una nuova etica. Tra i suoi libri, Amour-passion e amore coniugale. Rousseau e l’origine di un conflitto moderno(Venezia 1990);L’individuo senza passioni. Individualismo moderno e perdita del legame sociale(Torino 2001); Il potere di unire. Femminile, desiderio, cura (Torino 2003); La cura del mondo. Paura e responsabilità nell’età globale (Torino 2009); Invidia. La passione triste (Bologna 2011).

CARLO ALBERTO REDI Dal 1993 è professore di zoologia all’Università di Pavia e direttore del Laboratorio di Biologia dello Sviluppo: è membro dell’Accademia dei Lincei. Studioso della genomica funzionale, coordina diversi progetti di ricerca nazionali e internazionali finanziati, tra gli altri, da NATO e Unione Europea. Tra i suoi saggi, “Il biologo furioso. Provocazioni d’autore tra scienza e politica” (2011).

GIAN ENRICO RUSCONI Storico e politologo italiano, è professore emerito di Scienze politiche presso l’Università di Torino, Fellow del Wissenschaftskolleg di Berlino e Gastprofessor nella Freie Universität di Berlino. Grande esperto della società tedesca e della storia della Germania nel Novecento. È editorialista del quotidiano La Stampa. Presidente del Comitato Scientifico del Centro Studi Piero Calamandrei. Tra i suoi ultimi libri: “Come se Dio non ci fosse” (Einaudi 2000); “Cosa resta dell’Occidente”(2012); “Marlene e Leni. Seduzione, cinema e politica” (2013).

CHIARA SARACENO Sociologa, è honorary fellow al Collegio Carlo Alberto (Torino): è stata professore ordinaria all’Università di Torino e professore di ricerca al Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino. È stata presidente della Commissione di indagine sull’esclusione sociale dal 1999 al 2001 e fa parte dell’High Level Group on the Measurement of Economic Performance and Social Progress. Collabora con numerosi siti giornalistici e La repubblica. È stata nominata corresponding fellow della British Academy ed insignita dell’onorificenza di Grande ufficiale della Repubblica Italiana. Tra le ultime pubblicazioni: “L’equivoco della famiglia “(Laterza 2017), “Mamme e papà. Gli esami non finiscono mai” (Il Mulino, 2016); “Coppie e famiglie. Non è questione di natura”, Feltrinelli (2°edizione aggiornata)

ALESSANDRO SCILLITANI È autore di documentari, musicista e cantante. Delle sue opere cura sceneggiatura, regia, montaggio e musiche.Dal 2011 collabora con il noto scrittore e giornalista Paolo Rumiz, con cui ha realizzato numerosi film. Nel 2013 ha fondato una sua società di produzione, Artemide Film, con la quale ha realizzato diverse opere. Rielaborando i materiali filmici raccolti durante i suoi viaggi, ha ideato due spettacoli, Dalla Parte Sbagliata e La Voce della Strada, in cui le immagini su grande schermo si intrecciano con la musica eseguita dal vivo. Ha collaborato alla realizzazione di spettacoli della compagnia teatraleTeatro dell’Orsa (Nudi, Fatti di Numeri). Con i suoi film e con i suoi spettacoli ha partecipato a numerosi festival ed eventi importanti. È direttore artistico del Reggio Film Festival dal 2002.

CINZIA SCIUTO Giornalista, è attualmente redattrice della rivista “MicroMega” e collaboratrice di altre testate del Gruppo editoriale l’Espresso. Ha conseguito il dottorato in Filosofia all’Università “La Sapienza” di Roma e ha scritto “La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica” (Mimesis, 2015). Si occupa di diritti civili, laicità e femminismo. Animabella è il suo blog.

ANNAMARIA VASSALLE Ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia presso l’Università di Roma “Sapienza”e collabora col Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Firenze. Tra le altre pubblicazioni, ha collaborato alla stesura del volume Felicità Italiane (Mulino, 2016) con il saggio “Malgrado la tempesta. Felicità e indifferenza”.