Formazione per giornalisti

VENERDí 4 MAGGIO

ORE 9.30 – UNIVERSITÀ, AULA D1.4
LAICITÀ E PENSIERO CRITICO CONTRO LE FAKE NEWS E PER UNA CITTADINANZA CONSAPEVOLE
Con Enzo Marzo, Chiara Saraceno, Cinzia Sciuto
Seminario per giornalisti aperto a tutti 
Le fake news attecchiscono maggiormente dove dominano obbedienza, conformismo, pregiudizi, luoghi comuni. Trovano al contrario il più efficace contrasto in una cittadinanza consapevole, indipendente, matura, responsabile e dotata di spirito critico. Cittadini cioè che pensano con la propria testa e capaci di autonomia morale. Da qui l’esigenza della diffusione nel nostro Paese del pensiero laico, del pensiero critico, della metodologia scientifica/analitica.

I giornalisti interessati ad ottenere i crediti dovranno, come di consueto, iscriversi sulla piattaforma SIGeF.

L’incontro da diritto a 4 crediti formativi.

Ospiti 2018

MASSIMO BALDACCI È professore ordinario di Pedagogia generale ensociale all’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Dirige il CESPP (Centro Studi sul Problematicismo Pedagogico) e coordina, dal 2014, il Gruppo teorico nazionale della SIPed (Società Italiana di Pedagogia). Il suo ambito di ricerca è diretto allo studio di problematiche pedagogiche e didattiche. Dirige diverse riviste e collane editrici legate all’ambito della pedagogia ed ha al suo attivo oltre 150 pubblicazioni nazionali ed internazionali.

MARINA BOSCAINO Insegnante di Italiano e Latino in un liceo classico di Roma, fa parte del comitato tecnico-scientifico di ProteoFareSapere e dell’associazione Per la scuola della Repubblica. Coltiva consapevolmente diverse ostinazioni: continua a credere nella scuola della Repubblica, della quale commenta come pubblicista le attuali
sorti, anche da rubriche che cura su alcuni siti o dal suo blog (stampanonrassegnata.bibienne.net); rifiuta le nostalgie del passato, pur sostenendo che quello dell’insegnante è il lavoro più politico che esista e cercando di stimolare competenze di cittadinanza culturale e critica nei suoi studenti; investe nella partecipazione, nell’impegno e nella
condivisione per sostenere la scuola della Costituzione: assemblee, seminari, convegni, interventi non solo per dire no, ma per proporre alternative.

ANNAROSA BUTTARELLI Insegna Filosofia della storia all’Università di Verona e dal 1988 fa parte della Comunità filosofica Diotima. Impegnata da anni nel pensiero e nella politica della differenza, è autrice di numerosi saggi e curatele, tra cui “Duemilaeuna. Donne che cambiano l’Italia” (2000); “Una filosofa innamorata. María Zambrano e i suoi insegnamenti” (2004); “Il pensiero dell’esperienza” con Federica Giardini (2008); “Sovrane. L’autorità femminile al governo” (2013); “La danza della forza. Yoga e filosofia per la vita femminile” (2015): “Sovrane. L’autorità femminile al governo” (2° ed, maggio 2017).

CARLO FLAMIGNI Tra i maggiori esperti di fisiopatologia della produzione umana e padre della fecondazione assistita. Membro del Comitato Nazionale per la Bioetica e presidente onorario dell’AIED, ha pubblicato oltre 1000 memorie scientifiche originali, numerose monografie e alcuni libri di divulgazione. Tra le sue più recenti pubblicazioni “La Fecondazione Assistita dopo dieci anni di legge 40. Meglio ricominciare da capo!” (Ananke, 2014); “Nelle mani del dottore? Il racconto e il possibile futuro di una relazione difficile” (FrancoAngeli, 2014); “Sessualità e riproduzione. Due generazioni in dialogo su diritti, corpi e medicina” (Ananke, 2015); “Questa è la scienza, bellezza!” Ananke, 2015).

ORLANDO FRANCESCHELLI Filosofo, insegna Teoria dell’evoluzione e Politica presso l’Università «La Sapienza» di Roma. È autore di “Dio e Darwin. Natura e uomo tra evoluzione e creazione” (2005); “La natura dopo Darwin. Evoluzione e umana saggezza” (2007) e di “Karl Löwith. Le sfide della modernità tra Dio e nulla” (2008), tutti pubblicati da Donzelli. Nel 2009 è uscito il suo ultimo lavoro, “Darwin e l’anima”.

NICOLETTA LANDI Antropologa e ricercatrice all’Università di Bologna, si occupa in particolare di temi come sessualità, salute, identità, genere ed educazione. È autrice della ricerca “Il Piacere non è nel programma di scienze! Educare alla sessualità oggi in Italia”. Membro di Anpia (Associazione nazionale professionale italiana di Antropologia); Siaa (Società italiana di Antropologia applicata) ed Easa (European association for social anthropology), è particolarmente interessata all’implementazione del ruolo dell’antropologia all’intero del dibattito pubblico.

MARIA MANTELLO Presidente della Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”, scrive e interviene in favore del diritto imprescindibile di pensare e decidere in autonomia, allo scopo di creare un insieme di cittadini capaci di confrontarsi e tollerare le diversità, un mondo pensante ed attivo.

ENZO MARZO È stato per trentacinque anni giornalista del “Corriere della Sera” dove ha diretto i settori Politica e Cultura. È stato docente di Profili deontologici della professione giornalistica presso la Scuola di giornalismo Luiss: è anche fondatore e ora portavoce della “Società Pannunzio per la libertà d’informazione”. È presidente della
Fondazione Critica Liberale, nonché dal 1969 direttore dell’omonima rivista. È stato tra i promotori di “Opposizione civile”, nonché autore del “Manifesto laico” e membro del comitato di presidenza della “Società laica e plurale”. Da giovane fu membro della presidenza della Liac (Lega italiana abolizione concordato).

ARMANDO MASSARENTI Filosofo ed epistemologo italiano. Dal 12 giugno 2011 è responsabile del supplemento culturale Il Sole – 24 Ore Domenica, dove si occupa, dal 1986, di storia e filosofia della scienza, filosofia morale e politica, etica applicata. È membro dell’Osservatorio di Bioetica della Fondazione Einaudi di Roma: tra i suoi testi più importanti, il “Manifesto di bioetica laica”, redatto insieme a C. Flamigni, M. Mori e A.M. Petroni, e Staminalia. “Le cellule etiche e i nemici della ricerca” (2008), una ricostruzione del dibattito etico e scientifico sulla ricerca sulle staminali.

ROBERTA MINEO Ricercatrice del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. È titolare del corso di Processi e dinamiche di gruppo e di Psicodinamica delle relazioni familiari. Il suo ambito di ricerca spazia tra formazione degli adulti, mediazione dei conflitti nei contesti
multiculturali, leadership e cooperazione internazionale. Ha attivato il corso di Studi di Genere e da quest’anno partecipa al consorzio interateneo Edunova con due corsi online aperti a tutti (Cosa c’entra l’amore e La violenza al Centro).

MANUELA MONTI Biologa, lavora alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo
di Pavia. Collabora con isitituti di ricerca negli Stati uniti ed in Giappone. Insegna Biologia
delle cellule staminali allo Iuss di Pavia. È autrice con Carlo Alberto Redi di: Storia di una
cellula fantastica (Sironi, 2016), Staminali. Dai cloni alla medicina rigenerativa (con
Enrica Battifoglia, Carocci, 2015) e Pavia, a spasso nella città della scienza (Ibis, 2013).

MARYAM NAMAZIE Scrittrice e attivista di origine iraniana, è la portavoce di Fitnah – Movimento per la liberazione delle donne, One Law for All e Counsil of Ex-Muslims of Britain. Conduce un programma televisivo settimanale in persiano ed inglese chiamato Bread and Roses. È membro del comitato consultivo internazionale della Raif Badawi Foundation for Freedom e Euromind; umanista Laureata presso la International Academy of Humanism, è membro di diverse associazioni che lottano per il diritto alla libertà di pensiero, al di là dei dogmi religiosi e delle barriere sociali e politiche. Il regime islamico dei media iraniani l’ha definita immorale e corrotta e ha pubblicato un esposto da titolo “Incontra questa donna anti-religiosa”. Nonostante questo, la Namazie ha inoltre recitato in “Can We Talk About This?” prodotto da DV Physical Theatre, che tratta della libertà di parola, della censura e dell’Islam.

TELMO PIEVANI Filosofo ed evoluzionista, ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova. Presso lo stesso Dipartimento è anche titolare degli insegnamenti di Antropologia e di Bioetica. Dal 2015 è vice-Presidente della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica: fa parte del Comitato Etico e del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi per
il progresso delle scienze. È autore di numerose pubblicazioni nazionali e internazionali nel campo della filosofia della scienza. Insieme alla Banda Osiris e a Federico Taddia è autore di progetti teatrali, comici e musicali a tema scientifico, come ‘Finalmente il Finimondo!’ (2012) e ‘Il maschio inutile’ (2015). Collabora con Il Corriere della Sera e con le riviste Le Scienze, Micromega e L’Indice dei Libri.

ELENA PULCINI È professoressa di Filosofia sociale presso l’Università di Firenze. Attenta al problema dell’individualismo moderno e del legame sociale, ha posto al centro della sua ricerca il tema delle passioni e delle patologie sociali della modernità. Ha inoltre concentrato la sua attenzione sulle trasformazioni dell’età globale e sui possibili fondamenti emotivi di una nuova etica. Tra i suoi libri, Amour-passion e amore coniugale. Rousseau e l’origine di un conflitto moderno(Venezia 1990);L’individuo senza passioni. Individualismo moderno e perdita del legame sociale(Torino 2001); Il potere di unire. Femminile, desiderio, cura (Torino 2003); La cura del mondo. Paura e responsabilità nell’età globale (Torino 2009); Invidia. La passione triste (Bologna 2011).

CARLO ALBERTO REDI Dal 1993 è professore di zoologia all’Università di Pavia e direttore del Laboratorio di Biologia dello Sviluppo: è membro dell’Accademia dei Lincei. Studioso della genomica funzionale, coordina diversi progetti di ricerca nazionali e internazionali finanziati, tra gli altri, da NATO e Unione Europea. Tra i suoi saggi, “Il biologo furioso. Provocazioni d’autore tra scienza e politica” (2011).

GIAN ENRICO RUSCONI Storico e politologo italiano, è professore emerito di Scienze politiche presso l’Università di Torino, Fellow del Wissenschaftskolleg di Berlino e Gastprofessor nella Freie Universität di Berlino. Grande esperto della società tedesca e della storia della Germania nel Novecento. È editorialista del quotidiano La Stampa. Presidente del Comitato Scientifico del Centro Studi Piero Calamandrei. Tra i suoi ultimi libri: “Come se Dio non ci fosse” (Einaudi 2000); “Cosa resta dell’Occidente”(2012); “Marlene e Leni. Seduzione, cinema e politica” (2013).

CHIARA SARACENO Sociologa, è honorary fellow al Collegio Carlo Alberto (Torino): è stata professore ordinaria all’Università di Torino e professore di ricerca al Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino. È stata presidente della Commissione di indagine sull’esclusione sociale dal 1999 al 2001 e fa parte dell’High Level Group on the Measurement of Economic Performance and Social Progress. Collabora con numerosi siti giornalistici e La repubblica. È stata nominata corresponding fellow della British Academy ed insignita dell’onorificenza di Grande ufficiale della Repubblica Italiana. Tra le ultime pubblicazioni: “L’equivoco della famiglia “(Laterza 2017), “Mamme e papà. Gli esami non finiscono mai” (Il Mulino, 2016); “Coppie e famiglie. Non è questione di natura”, Feltrinelli (2°edizione aggiornata)

ALESSANDRO SCILLITANI È autore di documentari, musicista e cantante. Delle sue opere cura sceneggiatura, regia, montaggio e musiche.Dal 2011 collabora con il noto scrittore e giornalista Paolo Rumiz, con cui ha realizzato numerosi film. Nel 2013 ha fondato una sua società di produzione, Artemide Film, con la quale ha realizzato diverse opere. Rielaborando i materiali filmici raccolti durante i suoi viaggi, ha ideato due spettacoli, Dalla Parte Sbagliata e La Voce della Strada, in cui le immagini su grande schermo si intrecciano con la musica eseguita dal vivo. Ha collaborato alla realizzazione di spettacoli della compagnia teatraleTeatro dell’Orsa (Nudi, Fatti di Numeri). Con i suoi film e con i suoi spettacoli ha partecipato a numerosi festival ed eventi importanti. È direttore artistico del Reggio Film Festival dal 2002.

CINZIA SCIUTO Giornalista, è attualmente redattrice della rivista “MicroMega” e collaboratrice di altre testate del Gruppo editoriale l’Espresso. Ha conseguito il dottorato in Filosofia all’Università “La Sapienza” di Roma e ha scritto “La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica” (Mimesis, 2015). Si occupa di diritti civili, laicità e femminismo. Animabella è il suo blog.

ANNAMARIA VASSALLE Ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia presso l’Università di Roma “Sapienza”e collabora col Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Firenze. Tra le altre pubblicazioni, ha collaborato alla stesura del volume Felicità Italiane (Mulino, 2016) con il saggio “Malgrado la tempesta. Felicità e indifferenza”.

Programma 2018

SAPERE AUDE!!
OSA CONOSCERE!!

9°EDIZIONE

4/5/6 2018 MAGGIO

«L’Illuminismo è l’uscita dell’uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso. Minorità è l’incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stessa è questa minorità, se la causa di essa non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell’Illuminismo”»

Immanuel Kant

CONOSCENZA SCIENTIFICA, PENSIERO CRITICO, LAICITÀ PER UNA CITTADINANZA ATTIVA, INDIPENDENTE, CONSAPEVOLE.

IN MEMORIA DI STEFANO RODOTÁ

VENERDí 4 MAGGIO
1) ORE 9.30 – UNIVERSITÀ, AULA D1.4
LAICITÀ E PENSIERO CRITICO CONTRO LE FAKE NEWS E PER UNA CITTADINANZA CONSAPEVOLE
Con Enzo Marzo, Chiara Saraceno, Cinzia Sciuto
Seminario per giornalisti aperto a tutti
Le fake news attecchiscono maggiormente dove dominano obbedienza, conformismo, pregiudizi, luoghi comuni. Trovano al contrario il più efficace contrasto in una cittadinanza consapevole, indipendente, matura, responsabile e dotata di spirito critico. Cittadini cioè che pensano con la propria testa e capaci di autonomia morale. Da qui l’esigenza della diffusione nel nostro Paese del pensiero laico, del pensiero critico, della metodologia scientifica/analitica.

VENERDí 4 MAGGIO
2) ORE 15.30 – UNIVERSITÀ, AULA AULA D2.2

IL PIACERE NON È NEL PROGRAMMA DI SCIENZE
Incontro con Nicoletta Landi, Roberta Mineo
Il piacere non è nel programma di Scienze.. ma diventa oggetto di un corso all’università. Future educatrici ed educatori si sono interrogati sulla spinosa materia della differenza,nhanno realizzato alcuni esperimenti sociali e hanno riflettuto su genere e sesso in adolescenza. I risultati di questo tipo di lavoro sono spesso sorprendenti ed illuminanti, a volte preoccupanti.
In che modo l’approfondimento di temi legati a sessualità e identità arricchiscono non solo i percorsi universitari ma anche quelli personali e sociali? Una cittadinanza attiva si costruisce a partire da un confronto sereno e laico sulla complessità delle esperienze e degli immaginari sessuali e identitari, non solo dei ragazzi e delle ragazze, ma di tutti gli adulti che con loro dialogano e si confrontano.

VENERDí 4 MAGGIO
3) ORE 18.00– UNIVERSITA’– AULA MAGNA MANODORI

LA FORMAZIONE AD UNA COSCIENZA CRITICA COME BASE NECESSARIA AD UNA FORMAZIONE DEMOCRATICA
Incontro con Chiara Saraceno
La capacità di cercare informazioni e di leggerle correttamente, di interpretare e mettere a confronto idee e messaggi diversi, di valutare opzioni alternative, è un prerequisito indispensabile per “agire” una cittadinanza democratica. È sempre stato vero, ma forse ancora di più oggi in cui l’accesso apparentemente illimitato e senza mediazioni
alle informazioni dà l’illusione di poter partecipare senza filtri alla sfera pubblica, e prima ancora che questa sua trasparente. Il compito delle istituzioni educative – a partire dalla scuola – nel formare una coscienza critica è perciò tanto più cruciale, ma anche difficile.

VENERDí 4 MAGGIO
4) ORE 18.30 – UNIVERSITÀ, AULA D1.1

NEL NOME DI GIORDANO BRUNO – COSTITUZIONALMENTE LAICI
Incontro con Maria Mantello
Sono trascorsi 418 anni da quel 17 febbraio del 1600 quando il filosofo Giordano Bruno fu arso vivo in Campo de’ Fiori a Roma, per ordine del tribunale della Santa Inquisizione presieduto dal pontefice romano.
«Eretico, pertinace, impenitente …» recitava la sentenza nella sua tracotanza di potere. E voleva essere espressione di massimo spregio, per chi come Bruno rivendicava il diritto umano di pensare e scegliere autonomamente.

VENERDí 4 MAGGIO
5) ORE 21.00 – UNIVERSITA’– AULA MAGNA MANODORI

PER LA SCUOLA DELLA COSTITUZIONE
Incontro con Marina Boscaino
L’intervento prevede una illustrazione delle procedure, dei principi e della storia pregressa che hanno portato alla stesura democratica, condivisa e collegiale del testo della Legge di iniziativa popolare Per la scuola della Costituzione. Tra l’originario articolato del 2006 e la rivisitazione intervenuta nel 2017 – una “attualizzazione” del testo, per inseguire e contrastare la deriva anticostituzione cui la scuola della Repubblica è stata sottoposta negli anni intercorsi – si è particolarmente insistito sul principio della laicità della scuola, strumento dell’interesse generale. Non più individuato sic et simpliciter, ma declinato – nel testo 2017 – attraverso una serie di concreti interventi proposti dall’articolato. Verranno illustrate le motivazioni di tale scelta e della necessità di depositare – previa la raccolta delle firme – il testo alle Camere.

SABATO 5 MAGGIO
6) ORE 10.00 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

LA BUONA SCUOLA NASCE DAL PENSIERO CRITICO
Incontro con Massimo Baldacci
Uno dei temi ricorrenti del dibattito scolastico concerne la necessità di educare al “pensiero critico”. Rispetto a tale tema, l’esposizione sarà articolata in tre punti: accenneremo ad alcuni modelli del pensiero critico, allo scopo di mostrare come la sua dinamica non possa essere imprigionata in un singolo metodo; analizzeremo le possibilità di un’educazione del pensiero critico, mostrando come tale educazione sia per lo più informale e indiretta; esamineremo i limiti e le aporie di una educazione al pensiero critico.

SABATO 5 MAGGIO
7) ORE 10.00 – UNIVERSITA’ – AULA D0.1

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: UNA PROPOSTA INNOVATIVA
Studentesse e studenti che hanno aderito all’innovativa proposta di volontariato e formazione delle Giornate della laicità denominata “Organizzazione di eventi: teoria e pratica”parlano della loro esperienza.

SABATO 5 MAGGIO
8) ORE 11.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

L’ETICA LAICA E REPUBBLICANA COME MATERIA SCOLASTICA (CITTADINANZA INDIPENDENTE E ADULTA PER FERMARE IL DECLINO DEL PAESE)
Incontro con Orlando Franceschelli
Secondo Guido Calogero “il laico non pretende di possedere la verità più di quanto anche altri possano pretendere di possederla”. La morale laica e repubblicana non si limita comunque alla tolleranza, ma è un insieme di valori che fanno la coesione della società e che bisogna imparare a condividere. Principi e valori derivanti da conquiste politiche sociali e culturali che hanno plasmato la nostra vita collettiva: libertà e socialità, uguaglianza, diritti umani, democrazia … Principi e valori presenti nella nostra Carta costituzionale che dovrebbero diventare, fin dai primi anni di scuola, patrimonio di tutti gli italiani. Per formare una cittadinanza attiva, matura, responsabile, che pensano con la propria testa e capaci di autonomia morale

SABATO 5 MAGGIO
9) ORE 15.00

VISITA GUIDATA DEL CENTRO STORICO DI REGGIO EMILIA
Visita del centro storico di Reggio Emilia organizzata in collaborazione con ITINERE,
con accesso ai siti di maggior interesse culturale della città: Sala del tricolore,
Chiesa di San Prospero, Palazzo da Mosto, Teatro Valli.
LA VISITA È GRATUITA. PER PARTECIPARE OCCORRE PRENOTARE IL PROPRIO POSTO.
Gli interessati si troveranno alla reception delle Giornate della laicità presso l’Università, piano terra.

Info e prenotazioni
MAIL info@giornatedellalaicita.com
TEL 0522-392137 (da lun. a ven. 09.00-13.00 / 15.00-19.00)

SABATO 5 MAGGIO
10) ORE 15.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

LA CULTURA LAICA E LE INNOVAZIONI DEL PONTIFICATO DI FRANCESCO
Incontro con Gian Enrico Rusconi ed Enzo Marzo
Cattolicesimo e pensiero moderno analizzati attraverso lo studio della cultura laica e delle innovazioni portate dal pontificato di Francesco: per una laicità criticamente qualificata ad entrare nel merito degli assunti religiosi della “teologia della misericordia” e della “logica del discernimento”..

SABATO 5 MAGGIO
11)ORE 17.00 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

LA CULTURA SCIENTIFICA IN ITALIA NELL’ERA DELLE FAKE NEWS
Incontro con Telmo Pievani
Un’altra campagna elettorale si è consumata e il tema dell’importanza della ricerca scientifica e tecnologica per lo sviluppo dell’Italia ancora una volta è passato in secondo o terzo piano. Ma perché il dibattito pubblico in Italia continua a ignorare la scienza, preferendole spesso miti e bufale? Darwin scrisse che la sua teoria sarebbe stata accettata con molta fatica dai posteri. In effetti, dopo un secolo e mezzo questa predizione pessimistica si è avverata: ancora oggi il fatto dell’evoluzione per selezione naturale, seppur confermato dalle evidenze scientifiche, viene negato da schiere di creazionisti, antievoluzionisti ed intellettuali in cerca di consensi. L’avvento dell’era digitale sembra aver favorito il negazionismo scientifico, in un contesto come quello del web in cui è sempre più difficile distinguere le fonti attendibili di informazioni dal turbine caotico di falsità e mistificazioni ideologiche. Ma perché alcune teorie scientifiche sono così contro-intuitive da farsi continuamente nuovi nemici? È soltanto una questione di relazioni tra scienza e fedi religiose? Come si fa a condividere una corretta cultura scientifica nell’era della fake news?

SABATO 5 MAGGIO
12) ORE 18.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

VIVA LA BLASFEMIA! CONTRO OGNI FONDAMENTALISMO
Incontro con Cinzia Sciuto e Maryam Namazie
La libertà di espressione, pietra angolare di qualunque democrazia, non può non implicare anche la libertà di critica aperta e radicale a qualunque sistema di pensiero/credenza, incluse le religioni, anche se questo dovesse significare urtare la sensibilità di alcuni credenti. In diversi paesi del mondo la blasfemia è punita addirittura con la pena di morte, in molti altri con il carcere. Finché ci sarà al mondo qualcuno che rischia la propria vita e la propria libertà per dire apertamente quel che pensa, è necessario portare avanti una battaglia radicale per la libertà di espressione, inclusa quella di blasfemia.

SABATO 5 MAGGIO
13) ORE 21.00 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

INCLUSIONE – ESCLUSIONE: GENOMICA SOCIALE
Incontro con Alberto Redi e Manuela Monti
È ormai chiaro che esiste una transizione sociobiologica e che le condizioni di natura e di cultura in cui si sviluppa e vive un individuo si rincorrono influenzandosi reciprocamente in una relazione circolare. Le ricerche sono rivolte a chiarire i meccanismi attraverso i quali “il sociale entra nella pelle e si fa biologia”; del come la classe sociale entra nelle molecole, nelle cellule. Fattori ambientali di varia natura possono infatti modificare l’espressione genica delle cellule alterando lo stato fisiologico di tessuti e organi. Le diseguaglianze sociali si traducono così in diseguaglianze di salute, le quali, non solo vengono trasmesse in maniera intergenerazionale, ma determinano a loro volta diseguaglianze di opportunità, di reddito, di rango sociale in un meccanismo ricorsivo che rinforza lo svantaggio sociale che le ha originate. Le profonde disuguaglianze socioeconomiche presenti in tutte le popolazioni che abitano il pianeta Terra si traducono, si incarnano, nell’essenza biologica degli individui, nel proprio essere corporale.

DOMENICA 6 MAGGIO
14) ORE 10.00 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

COME LA SCIENZA PUÒ AIUTARE A CAMBIARE GLI ITALIANI E L’ITALIA
Incontro con Armando Massarenti e Carlo Flamigni
La ricerca scientifica non è un lusso culturale, ma la più concreta opzione per dare un futuro al Paese e alle nuove generazioni, e per far tornare una parte del fiume di giovani che abbiamo formato in Italia e che possono lavorare solo all’estero. Genera occupazione qualificata, sviluppo imprenditoriale, innovazione di prodotto, ma serve anche alla sicurezza nazionale, alla tutela del territorio e dei beni culturali. Intorno si fanno strada l’antiscienza e la nostalgia di un passato durissimo che in gran parteignoriamo. Paghiamo il mancatorinnovamento vendendo le nostre aziende storiche. Eravamo i proprietari di piccoli ristoranti, poi ne siamo diventati i cuochi e ora semplici camerieri. Il metodo scientifico è il modo per risalire la china, permodernizzare il Paese, per compiere scelte non ideologiche in tutti i campi. Per premiare il merito e non il clan, per liberare energie e guidare il nostro futuro.

DOMENICA 6 MAGGIO
15) ORE 11.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

FELICITÀ È CONDIVISIONE?
Incontro con Elena Pulcini e Annamaria Vassalle
In quali ambiti gli italiani ricercano la felicità? Felicità Italiane (Mulino, 2016) non è l’ennesimo libro sulla felicità. Non pretende definirla nè fornire un manuale di istruzioni per raggiungerla, bensì si interroga su dove la si cerca. In particolare, in quali ambiti la cercano gli italiani. In uno scenario prismatico delle nostre aspettative di felicità, non privo di sorprese, Elena Pulcini e Annamaria Vassalle declinano questo tema in relazione a generosità e indifferenza.

DOMENICA 6 MAGGIO
16) ORE 15.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

L’OBBLIGO DI AFFASCINARE GLI STUDENTI. CURIOSITÀ, CREATIVITÀ,
INNOVAZIONE.
Incontro con Annarosa Buttarelli
La relazione tra chi studia e chi insegna, nei vari ordini scolastici, è stata resa funzionale a una concezione utilitaristica e aziendalistica del contesto educativo e formativo. Bisogna ricostituire la concezione umana e umanistica del decisivo rapporto tra chi “guida” a trasformazione di ragazzi e ragazze. Partendo dal mirabile testo di Maria Zambrano “Per l’amore e per la libertà” (Marietti ed.), ridisegnerò il contesto in cui si può riattivare l’attrazione di studenti e studentesse verso l’avventura nel pensiero critico e rispettoso dei viventi. Creazione, entusiasmo e novità caratterizzano sia le arti, compreso il design creativo, sia l’energia che aiuta il realizzarsi di ogni
formazione umana.

DOMENICA 6 MAGGIO
17) ORE 17.30 – UNIVERSITA’ – AULA MAGNA MANODORI

LA LIBERTÀ DELLA LUNA
Proiezione del film e incontro con Alessandro Scillitani (regista) e
Lilluccio Bartoli (pensatore libero incatenato alla libertà)
Li chiamiamo eccentrici, bizzarri, strani, e tendiamo a non considerarli, inseguendo percorsi più consueti. In realtà sono persone che pensano con la loro testa, hanno una vita fuori dal comune, hanno una capacità di autonomia morale che esprimono attraverso l’arte e con modi di vivere liberi e diversi. Di queste storie si occupa il film, orchestrate e raccontate come se si trattasse di un unico paese ideale, un luogo fatto di cittadini attivi e non conformisti. Una festa, una poesia, una grande danza, un grande divertimento. Tutto questo è nel film
La Libertà della Luna.

Scarica il programma PDF